Home
Il Centro
 Chi Siamo
Organizzazione
La Biomeccanica
 Cosa è
La Tecnica
Applicazioni
Programma Pedagogico
Materiale didattico
 C.M. Paternò
V. E. Mejerchol'd
N. Kustov
G. N. Bogdanov
Biblioteca
Videoteca
Dispense
 Dispense della Prof.ssa Tuscano
Biografia Mejerchol'd 
Intervista a Gennadi Bogdanov
La Biomeccanica Teatrale: un nuovo vecchio sistema
Incontri
 Franco Castellano
Giuliana Lojodice
Ugo Pagliai
Mario Perrotta
Carlo Giuffrè
Arnoldo Foà
Elisabetta Pozzi
Mario Scaccia
Paola Cortellesi & Massimiliano Bruno
Paola Borboni
Franca Valeri
Ferrucccio Soleri
Angela Finocchiaro
Eros Pagni
Claudia Koll
Gabriele Lavia
Marco Foschi
Lella Costa 2
Lella Costa
Giulio Bosetti
Paolo Poli
Anna Marchesini
Rossella Falk
Paolo Ferrari
Enzo Moscato
Pippo Delbono
Gennadi Nikolaevic Bogdanov
Filippo Timi 2
Filippo Timi
Ileana Ghione
Giorgio Albertazzi
Alessandro Gassman
Claudia Cardinale
Ascanio Celestini
Franca Nuti e Giancarlo Dettori
Calendario dei Corsi
 2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Spettacoli
 2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1998
Studio Obraz
 Cosa è
Spettacoli
Mappa del sito
Link Utili
Login / Logout
Tieniti aggiornato:

iscriviticancellati

Per informazioni




Paola Borboni

Incontro con:



Paola Borboni
di
Marcello Manuali



(Bologna, Teatro Duse, marzo 1986)


Lei ha conosciuto Pirandello...

Sì, ma non moltissimo. L’ho conosciuto tardi, quando sono diventata la prima attrice di Ruggero Ruggeri, e Ruggeri aveva in repertorio le commedie di Pirandello. Con Falconi non ne avevamo mai fatte, altro che, proprio in principio, Ma non è una cosa seria, ma più perché era una novità particolare che una commedia di repertorio. Mi fece una grande impressione, quando lo conobbi: era un uomo bellissimo, non tanto alto, giusto, ma elegante; poi riservato, un uomo di un’educazione che gliela si leggeva sul volto. Un uomo che ha lavorato, studiato, pensato, scritto, tutto per noi... Adesso è un boom incredibile, il suo nome è una luce, un faro. Quando finalmente l’ho capito, ti assicuro che ne sono rimasta innamorata. Ho cominciato a studiarlo, a rendermi conto di tutto quello che lui aveva detto. Guarda, è stata una grande felicità. Lui mi ha consolato del movimento fisico che prende le donne ad una certa età (tu questo lo sai vero?), quella che chiamano la menopausa: non me ne sono accorta, perché ero piena di lui. Mi sono sentita ricolma di una febbre che mi ha disinfettato da questo malanno, un malanno che può anche far diventare pazza una donna, sai?... Invece mi ha scaldato il cuore, m’ha fatto sentire giovane.

Questa conoscenza diretta ha avuto influenza sul suo modo di interpretarlo?

No, perché io pensavo secondo il mio pensiero di attrice, secondo il mio cuore di attrice, e secondo la mia sensibilità. L’ho conosciuto, così, come si conosce una persona che ti viene presentata. Mi ha affascinato, questo sì...

Dal 1934 ad oggi, ha cambiato qualcosa nell’interpretare Pirandello?

No. Pensa che io ho interpretato il Così è se vi pare, di recente, per la televisione [per la regia di Zeffirelli, con Pino Colizzi e Alfredo Bianchini, n.d.a.]. Guarda, come lo feci la prima volta.

Mi è capitato di vedere una registrazione di Enrico IV, con lei e Benassi...

Benassi aveva già la commozione cerebrale, una specie di macchia rossa nell’occhio, una cosa tremenda... Io mi spaventai: «ma cosa succede a Benassi?». Dopo un anno è morto. Poveretto.

Lei ha coperto un arco di tempo molto vasto...

Settant’anni di teatro il 4 di novembre.

In questo arco di tempo ha interpretato molto teatro italiano del nostro secolo. E’ stato più agevole affrontare questo repertorio, rispetto a quello classico?

Meglio. Mi ci sono trovata bene. Anche perché, caro, io ho avuto dei meravigliosi maestri. Ci vuole il maestro, sai, ci vuole. E’ necessario. Non si può fare a meno del maestro. Cioè di quello che ti dice: «Attento, inciampi!»...

Una guida...

Sì, una guida.

Dopo l’esperienza della Compagnia dei Giovani in particolare e di altre compagnie, crede che oggi possiamo dire di conoscere a fondo la poetica di Pirandello oppure ancora siamo lontani?

Ti dirò, mi pare che i giovani lo prendano un po’ come un autore a cui si può togliere e aggiungere perché ciascuno lo sente a modo suo. Invece bisogna farlo così com’è. Anche le didascalie, sono perfette. Basta seguire le sue indicazioni. E’ un grande regista... Ho invidiato tanto Marta Abba, che ha potuto veramente prendere da lui tutta la felicità di un uomo arrivato così in alto, ha avuto la possibilità di poterlo trattare...

Georges Simenon ha scritto che la vecchiaia illumina tante cose, ma è più difficile essere giovani...

Credo di sì. Io, che adesso ho 86 anni, non me ne accorgo di averli. Mi va bene. Ti dirò che io ho la mente fredda, chiara, e poi sono religiosa, e questo è molto importante. Perché non hai rammarico, perché la vita la devi lasciare, e io non ho rammarico. Anzi, quando qualche volta ho qualche malanno da qualche parte, mi dico: «Cominciamo? Preparata».

Cosa mi dice della signorina Desolina di Incontro al parco delle terme di Diego Fabbri?

E’ una chicca che mi è capitata e che ho accettato. Anche perché venivo dalla fatica di Re Lear: caro mio, che fatica, a Taormina, 40 gradi di caldo all’ombra. Credevo di morire... ma non sono morta, no. Come vedi, non sono morta...

C’è un segreto per essere veramente felici?

No, non c’è. Perché la vita fa da sé quello che vuole. E poi c’è un destino nostro che è già scritto, i dolori sono pronti a regalarti il loro sangue nero. Quanti dolori ho avuto in questo ultimo tempo... Lo sai, è morto mio marito. L’ho visto là, era già morto. E io l’ospedale, neanche ai funerali, niente... Giovane è bello... Pazienza.






Powered by: Nukedit 2017

C.I.S.Bi.T. Via Floramonti n°9 06121 Perugia Italia
Tel/Fax: 0039 (0)75 5721238 Mobile Phone: 0039 347 0798353
Generated in 0,004 seconds.
3734 visits