Home
Il Centro
 Chi Siamo
Organizzazione
La Biomeccanica
 Cosa è
La Tecnica
Applicazioni
Programma Pedagogico
Materiale didattico
 C.M. Paternò
V. E. Mejerchol'd
N. Kustov
G. N. Bogdanov
Biblioteca
Videoteca
Dispense
 Dispense della Prof.ssa Tuscano
Biografia Mejerchol'd 
Intervista a Gennadi Bogdanov
La Biomeccanica Teatrale: un nuovo vecchio sistema
Incontri
 Franco Castellano
Giuliana Lojodice
Ugo Pagliai
Mario Perrotta
Carlo Giuffrè
Arnoldo Foà
Elisabetta Pozzi
Mario Scaccia
Paola Cortellesi & Massimiliano Bruno
Paola Borboni
Franca Valeri
Ferrucccio Soleri
Angela Finocchiaro
Eros Pagni
Claudia Koll
Gabriele Lavia
Marco Foschi
Lella Costa 2
Lella Costa
Giulio Bosetti
Paolo Poli
Anna Marchesini
Rossella Falk
Paolo Ferrari
Enzo Moscato
Pippo Delbono
Gennadi Nikolaevic Bogdanov
Filippo Timi 2
Filippo Timi
Ileana Ghione
Giorgio Albertazzi
Alessandro Gassman
Claudia Cardinale
Ascanio Celestini
Franca Nuti e Giancarlo Dettori
Calendario dei Corsi
 2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
Spettacoli
 2010
2009
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1998
Studio Obraz
 Cosa è
Spettacoli
Mappa del sito
Link Utili
Login / Logout
Tieniti aggiornato:

iscriviticancellati

Per informazioni




Giulio Bosetti

Incontro con:

GIULIO BOSETTI
di Marcello Manuali



Gubbio, Teatro Comunale, 25 novembre 2003


Ieri sera ho visto lo spettacolo al Comunale di Narni. Mi è sembrato un’edizione de Il berretto a sonagli dissimile da quelle che siamo abituati a conoscere, più interiore, più intima, anche come tipo di recitazione. Lei di questo spettacolo, poi, cura anche la regia..

Ho cercato di farne uno spettacolo che avesse valore universale, che non fosse troppo legato a un mondo paesano, dialettale. Questo testo è nato come testo in siciliano, quando fu scritto da Pirandello per Angelo Musco, e in seguito molti attori lo hanno fatto in maniera straordinaria. Però si sentiva molto quest’atmosfera siciliana, di un piccolo paese con queste motivazioni legate, appunto, al luogo. Io penso che questo testo, pur avendo una vicenda che parte dalla Sicilia, abbia un valore universale e si possa toglierlo da quell’involucro da bozzetto drammatico. Ecco perché ho fatto anche una scenografia chiusa, senza finestre, ricordando un famoso saggio di Macchia, La stanza della tortura, legato appunto alle opere di Pirandello, in cui i personaggi si scontrano in solitudine in questo luogo chiuso che è una specie di fossa dei serpenti. Si parla molto di pazzia e la pazzia aleggia tra i personaggi, aleggia anche nello spettacolo.

E’ una scena in cui domina il grigio, in cui ci sono luci abbastanza basse, non piene...

Sono luci d’atmosfera perché è un’atmosfera molto sinistra, anche se il testo può svelare tante volte qualche momento ironico, divertente, di grande umorismo. Però la vicenda è molto crudele. In più c’è, da parte di Pirandello, di mostrar il tentativo di una donna di liberarsi da quelle che sono le catene in cui la società dell’epoca tenevano la donna e questo fatto della donna che è schiava, perché l’uomo è il padrone, è un fatto che non è finito, perché nel mondo le cose vanno ancora a questa maniera in molti luoghi. Parliamo addirittura dei talebani, delle donne sotto il velo; in questo senso Pirandello, ante litteram, era un femminista. Anche questa è una cosa importante del testo.

In questo mi sembra che aiuti molto il lavoro sugli attori, sulla recitazione: ho trovato quasi un asciugamento, una pulitura di certi eccessi a favore di una lucidità, di una pulizia del testo di Pirandello...

Io, quando metto in scena un testo, mi baso sull’autore. Pirandello, fortunatamente, è un autore che scrive nella nostra lingua, non stiamo a recitare una traduzione. Pirandello è un autore che ci dà degli spartiti addirittura, perché la punteggiatura di Pirandello è già un’indicazione su come recitare, è straordinaria: ci sono le virgole, i punti e virgola, le lineette, le parentesi. Tutto questo, se uno conosce l’autore e lo intuisce nel suo profondo, è un’indicazione su come recitarlo. C’è come una musicalità: il testo di Pirandello, anche se scritto in prosa, è un testo in versi, perché ha una sua ritmica, e questa va rispettata al cento per cento. Io, nella messa in scena, tengo conto di questo, cercando di avvicinare gli attori alla loro psicologia di personaggi, però li carico anche della responsabilità di dire delle battute che non possono essere minimamente turbate da piccoli interventi, anche da respiri sbagliati. Questa è la cosa fondamentale per cui danno a questo nostro spettacolo un’idea di un grande concerto in prosa.



Powered by: Nukedit 2017

C.I.S.Bi.T. Via Floramonti n°9 06121 Perugia Italia
Tel/Fax: 0039 (0)75 5721238 Mobile Phone: 0039 347 0798353
Generated in 0 seconds.
3413 visits