Siamo 3 volte fuori: primo perché siamo a Colombella una frazione oltre il Tevere e quindi fuori dai normali giri dei cittadini di Perugia; secondo perché siamo in uno spazio (il teatro Bonucci) fuori dalla normale programmazione teatrale di Perugia; terzo perché la nostra stagione vuole spiazzare i propri spettatori con linguaggi performativi sempre diversi portandolo fuori dalla routin. La nostra stagione è specchio di chi l'ha creata, un associazione che nel suo stesso nome porta il senso del viaggio e della scoperta. Nel nostro piccolo vogliamo offrire ai nostri ospiti un'ora di divertimento e stimolare la curiosità con spettacoli sempre differenti l'uno dall'altro. Ci ospita il Teatro Bonucci uno spazio accogliente, recuperato da da alcuni abitanti della comunità e a cui Micro Teatro ha voluto legarsi in questo progetto. Seguire la nostra stagione è anche contribuire allo sforzo e alla passione di questa comunità.

Chi siamoScuola_di_Teatro_di_Perugia_Scuola_Teatro_Mejerchold.htmlStoria_Microteatro_CISBiT_Studio_Obraz_MTTMedizioni.htmlshapeimage_4_link_0
ContattiContatti.htmlContatti.htmlshapeimage_5_link_0
Homehome_microteatro_centro_di_biomeccanica_teatrale.htmlhome_microteatro_centro_di_biomeccanica_teatrale.htmlshapeimage_6_link_0
iscriviti alla mailing listmailto:info@microteatro.it?subject=iscrizione%20mailing%20listmailto:info@microteatro.it?subject=iscrizione%20mailing%20listshapeimage_7_link_0


PROGRAMMA 2019 - 20

Micro Teatro Terra Marique via Floramonti 9 - 06121 Perugia C.F. 94081320544 P.I. 02384470544home_microteatro_centro_di_biomeccanica_teatrale.html
Trasparenza - Organigramma - Privacy Policy - Cockie Policy - Creditihome_microteatro_centro_di_biomeccanica_teatrale.html

Una città sottosopra

da “L’ispettore generale“ di Nikolaj V. Gogol


Regia Fausto Marchini

con Lucio Bacocchi, Sofia Brogioni, Marta Capolsini, Emanuela Cardinali, Maria Giulia Carrozza, Riccardo Carrozza, Tiziana Celletti, Maria Grazia di Donfrancesco, Massimo Mariani, Andrea Pericoli, Cinzia Rosini, Alessandro Tenerini


Lo spettacolo tratto da L’ispettore generale di Gogol, tra i capolavori del teatro mondiale, descrive in modo grottesco personaggi corrotti, profittatori e affaristi, in un luogo senza tempo e alle prese con una situazione paradossale. Una messinscena corale che mette al centro il lavoro dell’attore e che fonde la presenza di ognuno con la consapevolezza di un impianto collettivo per consegnare allo spettatore una versione del narrato che va oltre i singoli personaggi. Il percorso circolare dello spettacolo richiama quelli del teatro e della vita e, passando per una percezione della realtà che richiama la poetica di Pirandello, mette il pubblico di fronte ad uno specchio e a se stesso.

Veleno

di e con Alessandro Sesti - luci Marco Andreoli

“Mi hanno sepolto, ma quello che non sapevano è che io sono un seme”

Wangari Muta Maathai


Nel 1993 Roberto Mancini sapeva già tutto del disastro ambientale nella cosiddetta Terra dei Fuochi; conosceva nomi e trame. Scrive un’informativa denunciando per primo quella che sarà conosciuta come Ecomafia. Solo dopo venti anni sarà ritrovata in un faldone nascosto e permetterà l’avvio del processo. Lo spettacolo ripercorre la vita di Roberto Mancini con toni quotidiani, amari, ma anche ironici come sapeva essere lui. “Mio padre è un eroe. Ha dei nemici? Bene. Significa che nella sua vita ha lottato per qualcosa in cui credeva.” Alessia Mancini

L’italia s’è desta (Catalogo No-strano)

di Stefano Massini

Regia di Ciro Masella  con Irene Bistarelli, Alessia Martinelli,  Nunzia Negri, Enrico Paci,  Mauro Silvestrini.


Un viaggio grottesco, tragicamente reale e spassosissimo tra le assurdità, le amenità, le contraddizioni, i vizi e le virtù del Belpaese. Ecco allora saltar fuori caustico e corrosivo il profilo di un’Italia inedita e spietata, in cui tutto è possibile, dove si muovono personaggi protagonisti di vicende agghiaccianti. Schegge di particelle impazzite. Un catalogo impietoso di bizzarrie assortite, mostruosità palesi, miserie grandi e piccole. Un cocktail di storie. Una galleria di ritratti. Un occhio spietato che investiga lo stivale. Un caravanserraglio di vicende umane. Un carnevale di maschere in velocissima sequenza. All’alba del terzo millennio questo è un quaderno di appunti: il sismografo di un improbabile essere nazione.

Durand & Durand

di M.Ordonneau e A. Valabregue

Traduzione e regia Claudio Pesaresi

con Riccardo Ruffinelli, Giuseppe Rafoni,  Mauro Formica, Laura Righi, Emma Costanzi, Andrea Barone, Alessandra Marini,  Donatella Carozzi, Bianca Balducci,  Nazareno Martinelli, Antonio Di Girolamo

Il droghiere Alberto Durand si fa passare per il cugino, suo omonimo, famoso avvocato di Parigi, per conquistare una bellissima ragazza della quale si è innamorato. Con l’evolversi delle situazioni il droghiere si trova sempre più impelagato nell’equivoco da lui stesso creato ed è costretto a districarsi, con complicate peripezie e i più originali stratagemmi che avranno successo fino a che…

Durand & Durand, è un delicato meccanismo d’orologio in cui ogni particolare svolge una funzione, è un pilastro dell’edificio, una carta di un castello di carte, un momento del teorema, in cui la coerenza e il ritmo delle situazioni costruisce l’armonia dello spettacolo.

A 2 passi

di e con Marcelo Bulgarelli e  Claudio Massimo Paternò

Regia di Gennadi N. Bogdanov

con la partecipazione di  Thiago Ruffoni

Scenografia di  Èlcio Rossini

Costumi di Marcio Paloschi

Ispirati dal lavoro degli artisti futuristi, A2 passi mostra gli affetti e i risentimenti di una coppia di attori durante la loro ultima rappresentazione. Un difetto del sistema di funzionamento del sipario costringe i due a recitare tutto il loro spettacolo mostrando al pubblico solo i propri arti inferiori.

Lo spettacolo mostra il rapporto tra i due attori (amici-nemici), sempre in bilico tra la ricerca di libertà di chi se ne vuole andare e il senso di abbandono di chi invece vuole che tutto rimanga così com’è. Un gioco metalinguistico che esplora il concetto di metonimia (una parte per il tutto),  i cui protagonisti vestono differenti panni (uomini, donne, anziani, esseri fantastici) in un caleidoscopio di storie e ambientazioni.

con il sostegno

partner

BIGLIETTERIA

Spettacoli “Una Stagione Fuori serale”: Intero € 10,00 - ridotto € 5,00

Spettacoli “Una Stagione Fuori in famiglia”: Biglietto unico € 5,00


Abbonamento 5 spettacoli: intero € 45,00 ridotto € 22,50


Prenotazione: 347 0798353 - info@microteatro.it - i biglietti vanno ritirati 15 min prima dell’inizio dello spettacolo.


Teatro Bonucci: Strada delle Marche 43 - Colombella/Perugia.


Come arrivare:

Uscita Bosco dell’E 45, direzione Gubbio.


AMPIO PARCHEGGIO DI FRONTE AL TEATRO - APERITIVO GRATUITO PRIMA DELLO SPETTACOLO