Direttore pedagogico: Gennadi Nikolaevic Bogdanov  Coordinatore artistico: Claudio Massimo Paternò

RESIDENZA ARTISTICA UMBRA

Chi siamoScuola_di_Teatro_di_Perugia_Scuola_Teatro_Mejerchold.htmlStoria_Microteatro_CISBiT_Studio_Obraz_MTTMedizioni.htmlshapeimage_3_link_0
ContattiContatti.htmlContatti.htmlshapeimage_4_link_0
Homehome.htmlhome.htmlshapeimage_5_link_0
iscriviti alla mailing listmailto:info@microteatro.it?subject=iscrizione%20mailing%20listmailto:info@microteatro.it?subject=iscrizione%20mailing%20listshapeimage_6_link_0

La felicità

Vangelo secondo Maria Maddalena

con

Angela Pellicciari

e con

Paolo Manetti (chitarra) e Giulia Pellicciari (Tromba e violino)

Direzione e messa in scena di

Claudio Massimo Paternò



Maria Maddalena è autrice di uno dei vangeli apocrifi più controversi e misteriosi della storia dell'umanità. La sua figura è stata da poco rivalutata dalla chiesa. Tuttavia per anni è stata messa in discussione e in secondo piano. Per alcuni è considerata il 13° apostolo per altri addirittura la moglie di Gesù. Qualunque sia il suo ruolo, la donna è sempre presente nei momenti più importanti del Figlio di Dio dai miracoli alla crocifissione. E sarà sempre lei che per prima non troverà più il corpo di Cristo nel santo sepolcro. Alcuni autori si sono accostati a questa figura delineandola all’opposto di come viene descritta dai vangeli o considerata dall’immaginario collettivo.

Lo spettacolo “La felicità” vuole raccontare e valorizzare attraverso una narrazione in prima persona, la figura di Maria Maddalena, non connotandola dal punto di vista religioso. Attraverso la propria storia, lo spettacolo vuole, innanzitutto, raccontare la storia di una donna come tante,  discriminata e sempre in lotta con il proprio ruolo sociale.

Rievocata dalla musica di due musicisti/aedi che la seguiranno con la propria musica, la protagonista ci offre la propria versione della propria vita prima, durante e dopo l’incontro con Cristo. Ci mostra le sue debolezze, i suoi amori, la sua ingenuità. Ma come il protagonista di una parabola, la donna si fa, soprattutto, esempio per gli altri. E nella solitudine tra rimpianti, fatiche e dolori comprende che Dio, quel Dio che ha prima odiato e poi tanto amato, l’ha salvata dalla dissolutezza peggiore di tutte: la felicità.